Studio Benzi

Menu

Non vanno confuse con le Luminyers ed altri surrogati delle faccette (Veneers), che in realtà sono dei preformati industriali che vengono “incollati” sul dente intatto o appena preparato del paziente, soluzione economica ma con evidenti limiti sia estetici che di salute dei tessuti in quanto va a “spessorate” gli elementi naturali in modo innaturale ed incongruo con il rischio di determinare a lungo andare carie, sofferenze gengivali ed anche danni parodontali profondi.

Quando conviene ricorrere alle faccette estetiche?

Quando si voglia avere un sorriso perfetto, eleminando qualunque tipo di imperfezione e anche per correggere alcune funzioni dentali compromesse da difetti strutturali dei denti (come malocclusione dentale creata da un dente non perfettamente allineato, malformazioni dello smalto, denti pigmentati ecc.)

È necessario che la preparazione sia effettuata con le tecniche adeguate e con fine abilità al fine di garantire la precisione e le corrette caratteristiche estetico/meccaniche ai restauri, oltre che a gettare le basi per una perfetta adesione del sistema dente-restauro. Il tutto deve essere preceduto da un’attenta analisi delle caratteristiche morfo-funzionali del paziente. La creazione delle faccette è basata anch’essa sulla rilevazione delle impronte delle arcate dentali.

In sintesi quali sono le principali funzioni delle faccette dentali?

  • Ricostruire un dente scheggiato
  • Rendere più bianchi e naturalmente lucenti i denti
  • Ingrandire/modificare la superficie di due denti attigui separati
  • Raddrizzare uno o più denti disallineati
  • Allungare denti usurati a casa dell’età o del bruxismo
  • Rimodulare integralmente l’estetica del sorriso del paziente